Accueil >> Recherche >> Actualités >> Colloques - journées d'études

Recherche

Traduire le plurilinguisme. La traduction de textes plurilingues de la littérature italienne

le 22 juin 2013

 

Journée d’étude
Organisée par le Centre Interdisciplinaire de Recherche sur la Culture des Echanges
(Circe-LECEMO, domaine italo-roman)

Lieu : Maison d’Italie,
Cité internationale universitaire de Paris
14 Boulevard Jourdan - Paris 14e

Organisateurs :
Lucrezia Chinellato, Emilio Sciarrino

EA 3979 - Les cultures de l'Europe Méditerranéenne Occidentale (LECEMO)

Contact : lucrezia.chinellato@free.fr


Présentation :


L’équipe CIRCE du LECEMO (Centre Interdisciplinaire de Recherche sur la Culture des Échanges) se propose de faire le point sur les problèmes que pose la traduction de textes plurilingues de la Littérature italienne, après un cycle de séminaires consacré aux divers aspects que revêt cette question - laquelle, présente dès les origines, croise au passage celle de la classique Questione della Lingua -, jusqu’aux débats actuels sur l’écriture migrante ou “transnationale”, ainsi que l’usage des avant-gardes européennes du XXème siècle.MO)

Présentation en italien

Giornata di studi organizzata dal Centre Interdisciplinaire sur la Culture des Echanges (CIRCE).

22 giugno 2013 – Cité internationale universitaire de Paris – Maison d’Italie, Bd. Jourdan 75014 Paris.

Preparata attraverso un anno di interventi, relazioni e discussioni seminariali, ecco una seconda Giornata di studi dell’équipe CIRCE diretta da Jean-Charles Vegliante, su fenomeni traduttivi che riguardano il presque-même delle variazioni plurilingui.
Il precedente incontro, La répétition à l’épreuve de la traduction, era partito da situazioni particolari come l’anafora, l’allitterazione, la dittologia ecc. che non sempre sopportano una resa in un’altra lingua. La presente occasione interesserà invece quei testi plurilinguistici in cui la compresenza di lingua e dialetto, o di lingua A e lingu(e) B, pone problemi di traduzione notevoli soprattutto quando si tratti di volgere in un codice di destinazione (lingua D) particolarmente uniforme – come avvertiva già Leopardi – e restio a quella variabilità caratteristica dell’italiano.
Dalla pluralità italica alla lingua (quasi) unica insomma, francese.
L’esperienza del gruppo “leopardiano” di CIRCE, di cui si possono leggere alcune prove di traduzioni dei Canti sul sito http://circe.univ-paris3.fr (ma i Canti tutti sono in via di ritraduzione collettiva), viene così a cimentarsi con vari testi, dalla Commedia dantesca a Boiardo a Meneghello ad Amelia Rosselli. A volte, lo stesso francese è presente nei testi presi in considerazione, sicché la resa nel testo D (francese) solleva ancora altri interrogativi.
Anche se non sono previsti interventi specifici su Leopardi, le tematiche della nuova Giornata di studi si collegano in parte a quelle discusse nel recente Convegno internazionale del CNSL su Leopardi e la traduzione (26-28 settembre 2012), di cui Vegliante è stato uno dei relatori.


Type :
Colloque / Journée d'études

mise à jour le 27 juin 2013